Un Governo gialloverde, e adesso cosa succede?

Non sono simpatizzante del M5S e, tantomeno, della Lega. Il 4/3 non ho votato nessuno dei due, anche se ho fatto molto fatica ad  individuare chi votare, comunque ho votato a sinistra.

Non condivido diverse parte del contratto, ma nemmeno condivido un contratto come accordo programmatico di governo.

Ritengo, in particolare, la “flat-tax” contraria ai principi costituzionali di progressività e di redistribuzione della ricchezza, favorendo solo i redditi alti. Credo che se l’obiettivo è quello di favorire la crescita bisogna ridurre l’IVA indirette e le accise che, non essendo rapportati al reddito, pesano in misura maggiore sui redditi bassi. La riduzione dell’IVA e delle accise favorisce i consumi e produce effetti diretti sullo sviluppo.

Mi preoccupano moltissimo l’atteggiamento nei confronti degli emigrati, le dichirazioni di Salvini e questa ipotesi di accordo con il premier ungherese Orban. Non voglio sottovalutare un problema enorme che vede, tutti gli anni, migliaia di uomini, donne e bambini morire in mare e un modello di accoglienza violento che emargina e ghetizza. Il problema deve essere affrontando nella logica della solidarietà e, perchè no, della fratellanza. Stiamo parlamdo di uomini, donne e bambini non di cose e nemmeno di animali.

Cionostante guardo a questo governo con attenzione. Questo Paese aveva bisogno di un radicale cambiamento della politica e dei suoi interpreti.

Questo è un cambiamento! Tutti i cambiamenti, in specie quelli radicali, un po’ rivoluzionari, presentano sempre delle incognite, è nella natura dei cambiamenti. Sarà necessaria maggiore tensione e attenzione da parte di tutti i cittadini, senza pregiudizi, nè negativi e nemmeno di schieramento, sarà necessaria una maggiore partecipazione.

Del resto mi preoccupa molto anche la falsità. Definire scandaloso un accordo di governo perchè fatto tra due forze che in campagna elettorale si sono contrapposte, è strumentale e falso. È quello che è sempre successo e che nel 2013 ha data origine ad una maggioranza con PD e NCD, di cui forse era parte anche Giulio Boscagli, a danno di SEL che si era presentata, in coalizione con il PD.

Dovremo dimenticarci una opposizione attiva e costruttiva da parte dei vetero partiti perchè sarà solo il livore a guidare la loro azione politica. Toccherà a tutti noi cittadini svolgere un ruolo di opposizione per evitare che eventuali degenerazioni e rischi per la DEMOCRAZIA.

Quando il nuovo Premier, nel discorso di insediamento, afferma che non esistono più destra e sinistra ma esistono quelli che parlano con la “finanza” e quelli che parlano con le “persone”, lascia aperta una porta alla speranza. Con la “finanza”, di solito, parla la destra o la sinistra, che sinistra non è, mentre con le persone parla la sinistra, quella di valori, non quella di schieramento.

Temiamo il rischio di autoritarismo? Suvvia, non scherziamo, viviamo già in un regime autoritario. Non dimentichiamo quello che è successo nel nostro territorio dove, per pure logiche clientelari e di opportunismo di parte, sono stati sottratti documeti a consiglieri comunali chiamati ad esprimersi su quei documenti.

Mi fa sorridere l’editoriale su “Resegoneonline” a firma Giulio Boscagli e non posso esimermi di riprenderne alcune parti. Giusto per evitare confusione.

Condivido che non è espressione di partecipazione il consenso espresso da qualche migliaio di cittadini con un clic. È un inizio e, comunque, è sempre meglio delle decisioni prese da uno solo, come nel suo partito, Forza Italia, e come, avviene, del resto, anche negli altri partiti in una logica puramente spartitoria. Se la partecipazione attraverso un clic non è democrazia, quello precedente, se non un regime autoritario, certamente è un regime oligarchico che ha contribuito ad arrichire i pochi, impoverendo i molti.

Toccherà ai cittadini vigilare perchè siano rispettati i principi della Democrazia. I cittadini non si fidano più di quei partiti che enunciano principi e che si comportano in modo esattamente opposto, anche anti democratico, il 4 marzo l’hanno dichiarato. I cittadini sanno che cosa fanno. Sono i vecchi partiti, tutti, che hanno messo in discussione la sovranità popolare prevista dall’art. 1 della Costituzione. La storia non va citata per convenienza, ma per ricordare. Non possiamo dimenticare che il partito fascista prese il potere grazie al voto favorevole, anche del Partito Popolare (la vecchia Democrazia Cristaina) sulla legge Acerbo.

Smetta per favore di affermare che i valori della famiglia sono tipici della concenzione democratico-cristiana. Non è vero ed è offensivo per chi cristiano non è, come me, eppure ha un’alta concezione del valore della famiglia. Ma non ci si rende conto che imporre la propria verità, anche a chi è estraneo ad una determinata religione, è una forma di integralismo e di intolerranza? Visto che Giulio Boscagli cita un periodo storico specifico, forse senza conoscerlo, lo invito a leggere, se mai l’ha fatto, il Trattato sulla Tolleranza di Voltaire, c’è sempre da imparare.