Iscriviti alla Newsletter

Che cosa sta succedendo? serve una riflessione.

Come tutti gli anni, dal 1989, celebro il 14 luglio (presa della bastiglia, inizio della Rivoluzione Francese), con una giornata di riflessione e meditazione. Generalmente lo faccio in qualche località francese ricordando Jean Meslier, Voltaire, Diderot, Montesquieu, Rousseau e, perchè no, Robespierre di cui ho grande considerazione, senza dimenticare Immanuel Kant, ma nemmeno Giordano Bruno.

[continua lettura ….]

chi risarcisce i danni?

Il sostegno alla proposta di legge di riforma della gestione del servizio idrico, di cui a breve inizierà la discussione alla Camera, mi ha distratto dalle vicende locali ma non mi ha disimpegnato.

È una proposta di legge di iniziativa popolare, del 2007, promossa dal Forum dei Movimenti per l’Acqua sostenuta da 400mila firme di [continua lettura ….]

Il Sole 24 Ore, la disinformazione

“Acqua, triplicati gli investimenti in infrastrutture ma ora c’è il rischio “ri-pubblicizzazione” [leggi e scarica pdf] [leggi online] Un articolo, quello del Sole 24 Ore, superficiale, forse volutamente, e fazioso in contrasto anche al “Trust Project”, sottoscritto dal giornale, che fissa il principio “I giornalisti hanno come obiettivo di raccontare nel modo più documentato [continua lettura ….]

FILCTEM CGIL – FEMCA CISL – FLAEI-CISL – UILTEC UIL contro i cittadini…. nell’interesse dei lavoratori?

Mi sconcerta il comunicato unitario di FILCTEM CGIL – FEMCA CISL – FLAEI-CISL – UILTEC UIL che richiede la non applicazione dell’art. 177 del codice degli appalti oltre due anni e mezzo dopo l’emanazione della Legge relativa. Non si sono accorti prima di questa norma? Dove sono stati sino ad oggi? Le ragioni per cui [continua lettura ….]

Art. 3 della Costituzione: Tutti i cittadini sono eguali davanti alla legge…. È vero?

Quando un cittadino, o un impresa, ha un debito con lo Stato, il massimo della rateazione è di 72 mesi, in casi eccezionali 120 mesi, ed un costo per l’aggio dell’esatore e per gli interessi moratori, dalla data di scadenza del debito alla data di inizio della rateazione. A tutto questo bisogna aggiungere un interesse [continua lettura ….]

Perchè sono contrario alle privatizzazioni

La privatizzazione o la ripubblicizzazione dei servizi pubblici è il tema del giorno che, purtroppo, una triste tragedia ha drammaticamente riaperto. Preferisco usare il termine “ripubblicizzazione” invece di nazionalizzazione perchè il fenomeno della privatizzazione riguarda la gestione e non la proprietà che è e resta pubblica. Un servizio pubblico è tale perchè reso alla collettività, [continua lettura ….]

Questo governo e maggioranza, gialloverde, illude ma non affronta i problemi reali

Non ho mai provato tanto disgusto come in questi giorni. La politica è un confronto di opinioni, un confronto anche duro che non deve mai andare oltre. Le esternazioni di Matteo Salvini contro il Presidente della Repubblica, contro il Presidente della Camera, contro la Magistratura, contro tutti, non è politica è solo volgarità. Matteo Salvini [continua lettura ….]

Matteo Salvini e la democrazia

Come si permette, il Ministro degli Interni, rivolgersi, con i toni usati, al Presidente della Camera? Probabilmente non conosce la Costituzione, oppure la conosce ma non gli piace. Eppure, all’atto della nomina a Ministro, ha giurato fedeltà e rispetto della Costituzione. Il Governo, e i singoli ministri, hanno solo funzioni esecutive e non possono derogare [continua lettura ….]

Privato o pubblico? La soluzione dei problemi sta nella ripubblicizzazione dei servizi pubblici, tutti.

“Pubblico o privato? Non sta lì la soluzione. Cercando, come ormai ci hanno abituati anni di qualunquismo e populismi vari, una soluzione semplice, immediata, certa, in tanti ora indicano il ritorno al pubblico della gestione delle autostrade, come se sotto la gestione Anas o delle province non succedono fatti simili.“, è l’affermazione contenuta in un [continua lettura ….]

Ponte Morandi, 43 vittime incolpevoli. Bisogna escludere i privati dalla gestione dei servizi pubblici.

Un ferragosto di sangue. Non si può morire così. È difficile affrontare un tema come quello della sicurezza stradale dopo quello che è successo. Non è stata una fatalità. La sicurezza, anche stradale, è un diritto dei cittadini che lo Stato deve garantire e che non ha garantito. Per questo è una “strage di Stato” [continua lettura ….]