Data Rivoluzionaria
Valsecchi Remo rid
Remo Valsecchi
cittadino
Valsecchi Remo rid
Remo Valsecchi
cittadino
23854 Olginate (LC) - Lombardia - Italia

+39 335 269905 info@removalsecchi.it  www.removalsecchi.it www.forumbenicomuni.org

div print

il bilancio 2019 dello Stato

Il bilancio di uno Stato è fondamentale per governare ed indirizzare il Paese verso uno sviluppo reale e non solo sostenibile che crei il benessere della sua collettività. Il benessere economico è necessario per la realizzazione di un sistema sociale perchè significa miglioramento della qualità della vita in grado di garantire una vita dignitosa e serena delle persone. Una vita dignitosa e serena può consentire la sconfitta della criminalità organizzata, la emarginazione delle persone consegna interi territori, al contrario, alla criminalità organizzata con tutte le conseguenze che conosciamo.

Esiste il problema dell'egoismo individuale, che è la prima causa dell'arricchimento, è un fatto culturale difficile da eliminare perchè è nella natura dell'uomo.

Pertanto le valutazioni economiche, nella logica di produrre le risorse necessarie allo scopo, sono necessarie ed il bilancio è lo strumento per la lettura ed analisi della situazione complessiva di un Paese, per un'azione politica finalizzata per quello scopo, il benessere collettivo, che un Stato, si  deve prefiggere.

Un bilancio non è solo un insieme di numeri. Un bilancio è l'insieme degli indirizzi e degli atti che il Governo del Paese assume e ne indicano la qualità e bontà dell'azione politica ed il rispetto della delega che il popolo ha conferito ai politici eletti in sua rappresentanza.

L'art. 67 della Costituzione prevede che "Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato" che, da sempre, è interpretato come totale libertà di comportamento politico per ogni singolo parlamentare. La mancanza di vincolo, anche alla luce del ventennio che ha preceduto l'emanazione della Costituzione, deve essere inteso nei confronti dei gruppi politici, dei partiti e delle segreteria e non della Nazione, cioè dei cittadini elettori, che il parlamentare rappresenta in forza di un mandato ricevuto in forza del voto. E' lo stesso mandato che i partiti ricevono e che devono rispettare.

Qui, però, sorge il problema. Come fa un cittadino a sapere se il mandato conferito con il suo voto è stato rispettato?

Se, ad esempio, in un programma elettorale o durante un comizio, un partito o  un candidato si impegnano per una ridistribuzione della ricchezza attraverso una politica fiscale che realizzi un imposizione nel rispetto della capacità contributiva, per sapere se questo è avvenuto ci sono solo due modi. Quello di affidarsi alle affermazioni dei partiti, dei parlamentari o dei media asserviti, cioè con un atto di fiducia, o di fede, che spesso è solo affermazione di parte e di principio che non coincide con la realtà. L'altro modo è quello di ricorrere alla documentazione disponibile per comprendere meglio e da soli.

Il bilancio è il primo strumento che consente di comprendere che cosa è avvenuto e che, poi, integrato con altri elementi e dati, tutti disponibili, consente di capire dove ci sta portando la politica.

Comprendo le difficoltà ad avvicinarsi a documenti con l'angoscia della non conoscenza della materia ed il rischio della loro non comprensione. E' un timore non giustificato. La tecnica è necessaria per la tenuta della contabilità, per la redazione ed illustrazione del bilancio.

Per la sua comprensione e lettura sono sufficienti quei criteri che normalmente ognuno fa nella gestione del bilancio familiare con maggiori difficoltà perchè le entrate sono fissate da altri e le spese devono adeguarsi ad esse. In una famiglia le entrate non di adeguano alle spese, come avviene nella gestione della cosa pubblica, avviene il contrario.

Quando il Governo accerta un aumento delle spese, provvede con l'aumento delle imposte, in particolare quelle indirette, cioè l'IVA, delle accise e simili.

In famiglia, quando c'è una spesa imprevista. l'unica possibilità è quella di ridurre altre spese magari necessarie.

Proviamo ad analizzare assieme il bilancio 2019, con una breve necessari premessa.

Il bilancio della Pubblica Amministrazione, che si basa sui due principi, "competenza", ossia entrate e spese che maturano nell'anno di riferimento anche se riscosse o pagate negli anni successivi, e "cassa", ossia riferito alle sole entrate o spese riscosse o pagate nell'anno, la parte non riscossa o pagata nell'anno è inclusa nel bilancio con la voce "residui attivi", per le entrate non riscosse nell'anno, e "residui passivi", per le spese non pagate nell'anno. I residui attivi, quindi, sono crediti, mentre i residui passivi sono debiti.

L'importo del bilancio di competenza, pertanto, è uguale alla somma  del bilancio di cassa più i residui. Il totale delle entrate e delle spese deve essere uguale nel rispetto del principio del "pareggio di bilancio" previsto dall'art. 81 della Costituzione e introdotto dalla Legge costituzionale 1/2012 del 24.12.2012 dopo essere stato a larga maggioranza dalle due Camere[1] e a seguito dell'adozione del "fiscal compact"[2] il 02.03.2012. 

Il principio del pareggio di bilancio non è errato poiché introduce un concetto di sana e corretta gestione delle risorse; è sbagliata l'introduzione nella Costituzione, anche se sono previste deroghe nei casi di situazioni straordinarie.

Sia le entrate che le spese si dividono in parte corrente e parte di capitale nel senso che le entrate di capitale (accensione di prestiti) devono finanziarie gli investimenti mentre le entrate di parte corrente devono gestire la gestione complessiva delle attività.

Non si vuole banalizzare ma, semplicemente, rendere più comprensibili questi concetti. E' lo stesso meccanismo che adottano le famiglie normali, lo stipendio serve per la vita normale, la quotidianità mentre i mutui o finanziamenti servono per acquistare la casa o beni durevoli come l'auto.

il bilancio si compone di:

  • il bilancio di previsione o di indirizzo politico non è un semplice "budget", è una previsione che vincola il Governo ai limiti di spesa previsti e approvati dal Parlamento.
    Purtroppo con il "voto di fiducia", non previsto da alcuna legge ma solo dai regolamenti delle due Camere e utilizzato da tutti i governi indipendentemente dalla collocazione politica, è il Governo, al quale la Costituzione attribuisce solo una funziona esecutiva, a fissare le regole e a porsi dei limiti escludendo i parlamentari da concrete partecipazioni alle scelte politiche che, pure, competono a loro.
    Escludere i parlamentari dalla formazione del bilancio, l'atto politico principale che condiziona tutti gli atti dello Stato è una lesione della democrazia.
  • il rendiconto consuntivo è il bilancio vero e proprio cioè l'atto che rileva tutto quello che è successo ed il rispetto o meno degli impegni di spesa e del loro finanziamento. E' il rendiconto consuntivo che rileva l'eventuale indebitamento ed il suo valore. Purtroppo, politicamente, è spesso trascurato o ignorato perchè ritenuto solo l'esecuzione di un formale adempimento mentre, al contrario, è il documento che consente la verifica della gestione ed il rispetto degli impegni e non solo l'indirizzo politico.

il bilancio di previsione

Le entrate

le entrate - bilancio di previsione delo Stato italiano - 2019
mld/€
entrate riscosse nell'esercizio residui attivi esercizio entrate competenza residui attivi totali
categoria i - imposte sul patrimonio e sul reddito 256,998 7,989 270,523 39,917
categoria ii - tasse ed imposte sugli affari 167,239 16,225 181,017 48,591
categoria iii - imposte sulla produzione, sui consumi e dogane 35,449 1,493 35,449 8,565
categoria iv - monopoli 11,073 0,002 11,073 1,463
categoria v - lotto, lotterie ed altre attività di giuoco 15,151 0,002 15,151 1,294
titolo i - entrate tributarie 485,909 25,710 513,212 99,831
categoria vi - proventi speciali 0,891 0,008 0,891 0,156
categoria vii - proventi di servizi pubblici minori 18,593 4,569 23,951 41,043
categoria viii - proventi dei beni dello stato 0,263 0,011 0,258 0,763
categoria ix - prodotti netti di aziende autonome ed utili di gestioni 1,315 0,000 1,315 0,000
categoria x - interessi su anticipazioni e crediti vari del tesoro 2,710 1,585 4,990 7,572
categoria xi - ricuperi, rimborsi e contributi 21,231 17,257 28,720 52,694
categoria xii - partite che si compensano nella spesa 3,041 0,088 3,041 1,193
titolo ii - entrate extra-tributarie 48,044 23,517 63,167 103,421
categoria xiii - vendita di beni ed affrancazione di canoni 0,037 -0,003 0,037 0,002
categoria xiv - ammortamento di beni patrimoniali 1,105 0,000 1,105 0,000
categoria xv - rimborso di anticipazioni e di crediti vari del tesoro 1,073 0,004 1,118 0,686
titolo iii - alienazione ed ammortamento di beni patrimoniali e riscossione di crediti 2,258 0,001 2,259 0,688
accensione di prestiti 368,146 0,000 290,861 0,000
titolo iv - accensione di prestiti 368,146 0,000 290,861 0,000
totale previsione entrate 904,314 49,228 869,499 203,940
linkare su per maggiori dettagli
bilancio di previsione definitivo - entrate
entrate riscosse nell'esercizio residui attivi esercizio entrate competenza residui attivi totali
totale previsioni entrate definitive 911,663 49,228 876,824 203,940

Come detto in precedenza, il bilancio di previsione sezione entrate, indica le "fonti", cioè come il Governo intende raccogliere le risorse necessarie. In questo caso, come nella generalità dei Governi degli Stati, le risorse son raccolte dai cittadini e dalle imprese attraverso, attraverso l'imposizione fiscale e altre entrate, grafico 1, in proporzione al 66,4% delle entrate totali, con modalità diverse che meritano un approfondimento poichè hanno un peso non indifferente nella distribuzione della ricchezza.

L'art. 53 della Costituzione stabilisce che "Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva". In un Paese dove, come visto, la distribuzione della ricchezza e del reddito è tutt'altro che omogenea ed equa, è poco credibile che il dettato costituzionale sia rispettato.

Il sistema della tassazione funziona con:

le imposte dirette, ossia le imposte applicate al reddito con aliquote progressive, note come IRPEF o imposte sul reddito persone fisiche, che rappresentano  il 74.4% del 52,5% delle entrate tributario, ossia il 39,06,25% del totale (grafico 2 e 3), e ammontano a € 197,578 mld, sono le uniche a rientrare ed applicare il principio della capacità contributiva anche se in modo non completo.

le imposte indirette, grafico 4, ossia la negazione del principio di capacità contributiva in quanto applicate ai consumi interni e non al reddito, sono pari al 36,5% delle entrate tributarie ed ammontano a € 164,791, una differenza troppo esigua che conferma l'iniquità dell'imposta e una forma di discriminazione. Sono imposte dirette l'IVA, imposta sul valore aggiunto, e le accise, ad esempio sulla benzina alla quale, peraltro, viene applicata anche l'IVA.
L'importanza dell'IVA per le entrate trova riscontro nella "clausola di salvaguardi" [3], clausola che prevede un aumento automatico delle aliquote IVA e delle accise qualora il governo non fosse in grado di reperire le risorse necessarie a finanziare la spesa. Rischio che l'Italia corse nel 2018 quando la politica economica del Governo gialloverde, portò ad una espansione delle spese pur non disponendo delle risorse necessarie.

le tasse, sono un tributo, ovvero una somma di denaro, dovuta dai privati cittadini allo Stato quale "corrispettivo" per un servizio pubblico offerto da un ente pubblico (ad es. tasse portuali e aeroportuali, concessioni, licenze).

Quando le persone dicono: "paghiamo troppe tasse", in realtà si riferiscono alle "imposte, dirette e indirette. La differenza è sostanziale poiché, come abbiamo visto, le imposte sono il contributo, in rapporto alla capacità contributiva, alle spese generali di gestione dello Stato mentre le tasse son il corrispettivo per l'erogazione, da parte dello Stato e delle Autonomie Locali, dei servizi a "domanda individuale", cioè per la soddisfazione dei bisogni delle singole persone o famiglie.

I servizi pubblici, l'erogazione dell'acqua, dell'energia, della telefonia, della trasmissione dati, dell'informazione, la gestione delle strade e autostrade, e simili, sono servizi a domanda individuale per i quali dovrebbe essere esclusa ogni forma di privatizzazione, formale e/o sostanziale. Quando la gestione di questi servizi, gestita da società o enti pubblici, produce profitti, in particolare se questi vengono distribuiti all'ente pubblico di riferimento, diventa una violazione del principio della "capacità contributiva" poiché, come per le imposte indirette, trasferisce i costi della gestione generale dello Stato sui consumi e non sul reddito.

Un discorso a parte si dovrebbe fare per la gestione e smaltimento dei rifiuti solidi urbani che, rientrando nella tutela dell'ambiente, bene comune, dovrebbe essere a carico dello Stato il quale dovrebbe farsi carico della regolamentazione per ridurne la produzione anche con penalità nei confronti di chi non rispetta le regole, siano questi aziende o privati.

Analogo ragionamento dovrebbe essere fatto per la gestione della Sanità poiché è la Costituzione che pone a carico dello Stato la salute pubblica e l'istruzione che, per tale motivo, non possono essere considerate servizi a domanda individuale.

Nel titolo I (entrate tributarie) sono, inoltre, comprese entrate per le quali sorgono parecchie perplessità. Le entrate per il generi di monopolio (tabacchi), 10 mld annui, e, quello che fa più specie, entrati  per giochi e imposte sui giochi, 15 mld annui. 

Viviamo in uno Stato e in un sistema che non ha avuto, almeno sino ad oggi, alcuna cura per i suoi cittadini.

Il titolo II, successivo, entrate extra tributarie, è riferito a tutta una serie di entrate per capitoli minori tra i quali rientrano, tra le voci più significative, servizi resi dalle amministrazioni statali, .entrate derivanti dal controllo e repressione delle irregolarità e degli illeciti, che comunque costituiscono, nel loro insieme, circa 63 mld di €uro nell'anno. L'anomalia è rappresentata dal fatto che per la fine dell'anno sono previsti residui attivi (credit non riscossi, per circa 103 mld di €uro, con un incremento di € 23,5 mld di €uro nel solo anno 2o19, E' una cifra molto elevata che giustifica un approfondimento relativamente alle cause.

Capitolo a parte merita il titolo IV, accensione di prestiti, un titolo importante che rappresenta, nella revisione definitiva, il 33,3% delle entrate totale, € 292,111 mld nella previsione definitiva (290,861 nella previsione iniziale), per la quasi totalità riferito al "ricavo netto delle emissioni di titoli del debito pubblico e dei prestiti interni ed internazionali.

L'89% del nuovo indebitamento previsto, come vedremo meglio nella sezione spese, è destinata al rimborso passività finanziarie  e, quindi, il Governo sta facendo debito per rimborsare debiti. In questo modo l'indebitamento, il debito pubblico, non si ridurrà mai nonostante gli assurdi meccanismi del "fiscal compact".

Le spese

la spesa - bilancio di previsione dello Stato italiano - 2019
mld/€
spesa pagata nell'esercizio residui passivi spesa per competenza residui passivi totali
redditi da lavoro dipendente 93,750 0,195 93,480 1,562
trasferimenti correnti ad amministrazioni pubbliche 282,404 15,223 261,762 68,620
imposte pagate sulla produzione 4,985 0,003 4,985 0,014
consumi intermedi 13,518 0,554 12,872 4,037
altre uscite correnti 25,536 0,655 18,403 0,818
trasferimenti correnti a famiglie e istituzioni sociali private 15,662 0,225 15,304 2,289
poste correttive e compensative 71,780 1,432 71,533 3,532
trasferimenti correnti a imprese 10,263 0,150 10,043 1,160
trasferimenti correnti a estero 1,570 0,012 1,567 0,074
ammortamenti 1,105 0,000 1,105 0,000
risorse proprie unione europea 18,335 0,000 18,335 0,000
titolo i - spese correnti 538,908 18,448 509,389 82,106
contributi agli investimenti a famiglie e istituzioni sociali private 0,265 0,000 0,261 0,005
contributi agli investimenti ad amministrazioni pubbliche 19,186 0,035 20,091 35,843
investimenti fissi lordi e acquisti di terreni 6,890 -0,075 5,275 5,414
contributi agli investimenti ad imprese 10,351 0,196 9,565 6,468
altri trasferimenti in conto capitale 11,523 0,623 10,795 3,091
contributi agli investimenti a estero 0,528 0,000 0,465 0,479
acquisizioni di attività finanziarie 5,256 0,000 3,251 6,236
titolo ii - spese in conto capitale 53,999 0,779 49,704 57,536
rimborso passività finanziarie 231,509 0,000 231,508 0,509
titolo iii - rimborso passività finanziarie 231,509 0,000 231,508 0,509
totale spese netto oneri finanziari 824,415 19,226 790,601 140,151
interessi passivi e redditi da capitale 79,899 0,024 78,898 0,213
totale previsione iniziale spese 904,314 19,251 869,499 140,364
linkare su per maggiori dettagli
bilancio di previsione definitivo - spese
spesa pagata nell'esercizio residui passivi spese comptenza residui passivi totali
totale previsione spese assestato 904,598 19,251 871,112 140,364

Si procede, come fatto per la previsione delle entrate, ad analizzare le spese con la stessa logica ossia quella di comprendere se le spese sono gestite secondo la "diligenza del buon padre di famiglia" e se, le stesse, sono realmente destinate allo sviluppo del Paese con il fine dell'interesse generale, non solo di pochi, e per garantire il benessere generale.

Anche per la previsione di spesa sono state predisposte le tabelle sulla base dei dati delle previsioni iniziali con il riporto in calce alla tabella i dati totali definitivi, cioè quelli delle previsioni assestate.

 Le spese si dividono in tre titoli, ossia in tre parti.

Il titolo I - spese correnti che, come dice la stessa denominazione, rappresenta il costo di gestione complessivo dello Stato. Dal primo saldo del titolo sono stati esclusi gli "oneri finanziari", inseriti nella parte finale, poiché gli stessi sono esclusi dalla determinazione del saldo primario.

riepilogo bilancio dello Stato - competenza - [mld/€]

bilancio di previsione iniziale
entrate lorde spese netto oneri finnziari avanzo/disavanzo primario oneri finanziari spese lordo oneri finanziari avanzo/disavanzo finale debito pubblico anno precedente variazione indebitamento
869,499 790,601 78,898 78,898 869,499 0,000 2.380,942 0,00%
bilancio di previsione definitivo
entrate lorde spese netto oneri finnziari avanzo/disavanzo primario oneri finanziari spese lordo oneri finanziari avanzo/disavanzo finale debito pubblico anno precedente variazione indebitamento
876,824 794,135 82,689 76,976 871,112 5,713 2.380,942 -0,24%

riepilogo bilancio dello Stato - cassa - [mld/€]

bilancio di previsione iniziale
entrate lorde spese netto oneri finnziari avanzo/disavanzo primario oneri finanziari spese lordo oneri finanziari avanzo/disavanzo finale debito pubblico anno precedente variazione indebitamento
820,271 771,375 48,896 78,874 850,248 -29,978 2.380,942 1,26%
bilancio di previsione definitivo
entrate lorde spese netto oneri finnziari avanzo/disavanzo primario oneri finanziari spese lordo oneri finanziari avanzo/disavanzo finale debito pubblico anno precedente variazione indebitamento
827,596 774,909 52,687 76,952 851,861 -24,265 2.380,942 1,02%

Il saldo primario, indicato nelle tabelle che precedono con la voce "avanzo/disavanzo primario", tipico delle contabilità nazionali, è la differenza tra le entrate e le spese, escluse le spese per interessi passivi. Il saldo primario non ha alcun significato pratico ed è completamente inutile poiché quello che esprime lo si può derivare facilmente dal bilancio senza alcun bisogno se non quello di evidenziarlo ed enfatizzarlo. Certamente un saldo primario elevato non è positivo anche se i politici tendono ad attribuirgli tale significato, è, però, comprensibile essendo il risultato della totale incompetenza. Ad un esame di Ragioneria, una valutazione positiva, porterebbe ad una sicura bocciatura ma, la cosa strana che anche gli economisti, anche quello più quotati, lasciamo perdere i giornalisti, lo ripetono in continuazione.

Proviamo a spiegare le ragioni che portano ad esprimerne un significato negativo. Poiché il bilancio pubblico ha il suo principio principale nel pareggio, più alto è il saldo primario, maggiori sono le spese, per un tipo di spesa, peraltro, che spesso è eccessivo per remunerare la finanza e anche improduttivo, ma più alte sono le risorse che il Governo deve trovare attraverso una imposizione fiscale diretta o indiretta.
Con un calcolo semplice e banale possiamo affermare che il saldo primario costa ad ogni italiano circa 1.300 €uro all'anno. Può essere considerata una cifra modesta ma che in certe condizioni, per coloro che hanno redditi medio/bassi e che devono farsi carico, magari, attraverso l'IVA che pagano per fare le spesa, è una cifra importante specialmente nei casi delle famiglie più numerose.

Se ci si sofferma sul totale delle spese correnti e proviamo a fare lo stesso calcolo semplicistico fatto in precedenza, si rileva che il costo complessivo per ogni singola persona, non famiglia, delle spese correnti è di circa 9.500 euro all'anno che, escludendo, dalle entrate le imposte dirette che sono pagate dalle aziende e comunque, in qualche modo, rispettano il principio della capacità contributiva, scendono a € 5.000  che sono sempre troppe. Non sono calcoli precisi, non disponendo di dati quali quelli della differenza di consumo tra le persone e famiglie. E' indubbio che i più ricchi consumano di più perchè possono farlo mentre i più poveri consumano meno perchè devono fare maggiori sacrifici.
Possibile che a nessuno politico, a qualsiasi collocazione politica appartenga, non abbia mai provato a fare questa semplice operazione? Possibile che nemmeno i sindacati, schierati, almeno a parole, con i più deboli, si siano mai preoccupatati di come viene gestito questo Paese? Il problema sta nel fatto che la politica, ma anche il sindacato, è solo apparenza, solo parole, utili per i talk show e per imbonire le persone.

Il nostro è un Paese dove la politica, come abbiamo visto, fa debiti per pagare debiti, gestisce le entrate in funzione delle spese, i tagli delle spese sono sempre a carico dei cittadini, nessuno però a affrontato la gestione delle spese e le sperequazioni che esistono e che si trasformano in atti discriminatori. Il nostro è un Paese che non investe più, il debito non fa paura se finalizzato allo sviluppo e alla crescita, ma terrorizza se finalizzato solo ad un pareggio di bilancio che non affronta i problemi sempre più drammatici.
Se penso ad un pensionato, di cui ne ha parlato a lungo la stampa che percepisce 49.000 €uro (€ 651.000 annui) al mese di pensione, ad una struttura pubblica, ARERA, che occupa circa 200 addetti con una retribuzione media annua di 120/130.000 €uro quando la media nazionale delle retribuzioni è inferiore a € 30.000, le domande che mi pongo sono tante. Quante discrasie e privilegi esistono nella Pubblica Amministrazione?

Se non ci si mette mano e non si razionalizzano le spese, producendo una riduzione delle entrate, il risultato sarà sempre più l'aumento della ricchezza per pochi e della povertà per molti.

 

il rendiconto consuntivo

le entrate

Loading data...
le entrate - bilancio delo Stato italiano - 2019
mld/€
entrate riscosse nell'esercizio residui attivi esercizio entrate competenza residui attivi totali
categoria i - imposte sul patrimonio e sul reddito 242,423 26,923 269,346 45,652
categoria ii - tasse ed imposte sugli affari 154,763 29,594 184,358 52,352
categoria iii - imposte sulla produzione, sui consumi e dogane 33,063 1,569 34,633 7,568
categoria iv - monopoli 10,017 0,675 10,692 1,591
categoria v - lotto, lotterie ed altre attività di giuoco 14,273 0,689 14,961 1,313
titolo i - entrate tributarie 454,539 59,450 513,990 108,477
categoria vi - proventi speciali 0,899 0,017 0,916 0,119
categoria vii - proventi di servizi pubblici minori 20,875 11,277 32,151 44,454
categoria viii - proventi dei beni dello stato 0,294 0,046 0,339 0,785
categoria ix - prodotti netti di aziende autonome ed utili di gestioni 3,323 0,000 3,323 0,000
categoria x - interessi su anticipazioni e crediti vari del tesoro 2,715 2,046 4,761 7,794
categoria xi - ricuperi, rimborsi e contributi 27,285 17,886 45,171 52,585
categoria xii - partite che si compensano nella spesa 2,487 0,314 2,801 1,238
titolo ii - entrate extra-tributarie 57,878 31,584 89,463 106,974
categoria xiii - vendita di beni ed affrancazione di canoni 0,039 0,000 0,039 0,005
categoria xiv - ammortamento di beni patrimoniali 0,469 0,000 0,469 0,000
categoria xv - rimborso di anticipazioni e di crediti vari del tesoro 1,593 0,031 1,624 0,705
titolo iii - alienazione ed ammortamento di beni patrimoniali e riscossione di crediti 2,100 0,031 2,132 0,709
20 260,409 0,000 260,409 0,000
titolo iv - accensione di prestiti 260,409 0,000 260,409 0,000
totale entrate 774,927 91,066 865,993 216,161
linkare su per maggiori dettagli
maggiori o minore entrate
categoria ii - tasse ed imposte sugli affari 4,966 -16,225
categoria i - imposte sul patrimonio e sul reddito 3,753 -7,989
categoria iii - imposte sulla produzione, sui consumi e dogane 0,109 -1,493
categoria iv - monopoli -0,098 -0,002
categoria v - lotto, lotterie ed altre attività di giuoco -0,272 -0,002
totale variazioni - titolo i - entrate tributarie 8,458 -25,710
categoria xi - ricuperi, rimborsi e contributi 12,071 -17,257
categoria vii - proventi di servizi pubblici minori 1,522 -4,569
categoria ix - prodotti netti di aziende autonome ed utili di gestioni 0,082 0,000
categoria viii - proventi dei beni dello stato 0,049 -0,011
categoria vi - proventi speciali -0,007 -0,008
categoria x - interessi su anticipazioni e crediti vari del tesoro -0,282 -1,585
categoria xii - partite che si compensano nella spesa -0,312 -0,088
totale variazioni - titolo ii - entrate extra-tributarie 13,121 -23,517
categoria xv - rimborso di anticipazioni e di crediti vari del tesoro 0,020 -0,004
categoria xiii - vendita di beni ed affrancazione di canoni -0,005 0,003
categoria xiv - ammortamento di beni patrimoniali -0,724 0,000
totale variazioni - titolo iii - alienazione ed ammortamento di beni patrimoniali e riscossione di crediti -0,709 -0,001
accensione di prestiti -31,702 0,000
totale variazioni - titolo iv - accensione di prestiti -31,702 0,000
totale variazioni -10,832 -49,228

le spese

la spesa - bilancio delo Stato italiano - 2019
mld/€
spesa pagata nell'esercizio residui passivi spesa per competenza residui passivi totali
redditi da lavoro dipendente 93,039 1,696 94,735 2,226
trasferimenti correnti ad amministrazioni pubbliche 250,151 7,963 258,113 37,072
imposte pagate sulla produzione 5,166 0,017 5,182 0,017
consumi intermedi 10,894 1,644 12,538 2,383
altre uscite correnti 1,153 0,181 1,334 0,240
trasferimenti correnti a famiglie e istituzioni sociali private 13,464 1,886 15,350 2,583
poste correttive e compensative 69,297 0,111 69,408 0,200
trasferimenti correnti a imprese 8,189 0,419 8,607 0,731
trasferimenti correnti a estero 1,563 0,046 1,608 0,058
ammortamenti 0,469 0,000 0,469 0,000
risorse proprie unione europea 17,763 0,000 17,763 0,000
titolo i - spese correnti 471,148 13,961 485,109 45,511
contributi agli investimenti a famiglie e istituzioni sociali private 0,351 0,042 0,393 0,046
contributi agli investimenti ad amministrazioni pubbliche 8,354 13,331 21,685 44,679
investimenti fissi lordi e acquisti di terreni 2,767 3,472 6,239 6,718
contributi agli investimenti ad imprese 8,142 3,037 11,179 5,467
altri trasferimenti in conto capitale 3,167 2,631 5,798 4,118
contributi agli investimenti a estero 0,326 0,015 0,341 0,279
acquisizioni di attività finanziarie 3,709 0,462 4,171 6,427
titolo ii - spese in conto capitale 26,817 22,990 49,806 67,733
rimborso passività finanziarie 219,223 0,668 219,891 0,752
titolo iii - rimborso passività finanziarie 219,223 0,668 219,891 0,752
totale spese netto oneri finanziari 717,187 37,619 754,806 113,996
interessi passivi e redditi da capitale 68,367 0,005 68,372 0,018
totale spese 785,554 37,624 823,178 114,014
linkare su per maggiori dettagli
economie o maggiori spese
trasferimenti correnti ad amministrazioni pubbliche -18,228 -15,445
interessi passivi e redditi da capitale -8,605 -0,024
poste correttive e compensative -3,419 -1,432
consumi intermedi -1,667 -0,555
redditi da lavoro dipendente -1,442 -0,202
altre uscite correnti -0,907 -0,026
trasferimenti correnti a famiglie e istituzioni sociali private -0,735 -0,565
ammortamenti -0,724 0,000
trasferimenti correnti a imprese -0,428 -0,208
risorse proprie unione europea -0,372 0,000
imposte pagate sulla produzione -0,100 -0,003
trasferimenti correnti a estero -0,094 -0,012
totale variazioni - titolo i - spese correnti -36,719 -18,472
contributi agli investimenti ad imprese -0,791 -0,337
investimenti fissi lordi e acquisti di terreni -0,680 -0,186
contributi agli investimenti ad amministrazioni pubbliche -0,319 -0,255
altri trasferimenti in conto capitale -0,311 0,000
acquisizioni di attività finanziarie -0,023 0,000
contributi agli investimenti a estero -0,022 0,000
contributi agli investimenti a famiglie e istituzioni sociali private -0,001 0,000
totale variazioni - titolo ii - spese in conto capitale -2,147 -0,779
rimborso passività finanziarie -9,068 0,000
totale variazioni - titolo iii - rimborso passività finanziarie -9,068 0,000
totale variazioni -47,934 -19,251

riepilogo bilancio dello Stato - competenza - [mld/€]

rendiconto consuntivo
entrate lorde spese netto oneri finnziari avanzo/disavanzo primario oneri finanziari spese lordo oneri finanziari avanzo/disavanzo finale debito pubblico anno precedente variazione indebitamento
865,993 754,806 111,187 68,372 823,178 42,815 2.380,942 -1,80%

riepilogo bilancio dello Stato - cassa - [mld/€]

rendiconto consuntivo
entrate lorde spese netto oneri finnziari avanzo/disavanzo primario oneri finanziari spese lordo oneri finanziari avanzo/disavanzo finale debito pubblico anno precedente variazione indebitamento
774,927 717,187 57,740 68,367 785,554 -10,627 2.380,942 0,45%
rendiconto consuntivo
cassa sulla competenza al lordo della voce di bilancio "rimasto_da_versare_cp" [mld/€]
entrate lorde spese netto oneri finnziari avanzo/disavanzo primario oneri finanziari spese lordo oneri finanziari avanzo/disavanzo finale debito pubblico anno precedente variazione indebitamento
804,000 717,187 87,397 68,367 785,554 19,030 2.380,942 -0,80%

il Costo della Pubblica Amministrazione

I ministeri

la spesa dei ministeri - 2019
mld/€
i ministeri previsione competenza iniziale var previsione competenza definitiva economie maggiori spese consuntivo competenza rsidui passivi fine anno
Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale 2,759 0,213 2,971 -0,153 2,818 0,159
Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali 134,504 0,058 134,562 -17,798 116,764 16,732
Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare 0,845 0,157 1,003 -0,061 0,942 1,224
Ministero dell'Economia e delle Finanze 594,379 -9,885 584,494 -25,764 558,730 63,618
Ministero dell'Interno 25,003 3,157 28,160 -0,795 27,366 3,663
Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca 59,524 1,712 61,236 -0,510 60,726 3,969
Ministero della Difesa 21,432 2,148 23,580 -0,513 23,067 1,603
Ministero della Giustizia 8,582 0,535 9,118 -0,727 8,391 1,052
Ministero della Salute 1,626 0,458 2,084 -0,205 1,880 1,112
Ministero delle Infrastrutture e Dei Trasporti 12,213 0,546 12,758 -0,523 12,236 15,071
Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali 0,953 0,195 1,149 -0,202 0,946 0,365
Ministero dello Sviluppo Economico 4,911 2,239 7,150 -0,523 6,627 4,148
Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per Il Turismo 2,767 0,079 2,846 -0,161 2,685 1,298
totali  869,499 1,613 871,112 -47,934 823,178 114,014
linkare su per maggiori dettagli

le missioni

il costo delle missioni - 2019
mld/€
missioni previsione competenza iniziale previsione competenza definitiva economie maggiori spese consuntivo competenza rsidui passivi fine anno
agricoltura, politiche agroalimentari e pesca 0,844 1,048 -0,175 0,873 0,342
amministrazione generale e supporto alla rappresentanza generale di governo e dello stato sul territorio 0,610 0,685 -0,026 0,658 0,043
casa e assetto urbanistico 0,313 0,490 -0,014 0,476 0,297
commercio internazionale ed internazionalizzazione del sistema produttivo 0,264 0,268 -0,003 0,265 0,234
competitività e sviluppo delle imprese 24,757 24,210 -0,805 23,405 3,617
comunicazioni 0,741 0,760 -0,036 0,725 0,255
debito pubblico 303,050 300,575 -17,693 282,882 0,682
difesa e sicurezza del territorio 20,764 21,983 -0,342 21,641 1,584
diritti sociali, politiche sociali e famiglia 40,288 39,509 -2,910 36,599 4,096
diritto alla mobilità e sviluppo dei sistemi di trasporto 11,362 12,086 -0,349 11,738 5,561
energia e diversificazione delle fonti energetiche 0,220 0,596 -0,009 0,587 0,610
fondi da ripartire 11,138 2,159 -0,953 1,206 1,680
giovani e sport 0,786 0,903 0,000 0,902 0,065
giustizia 8,767 9,384 -0,754 8,630 1,098
immigrazione, accoglienza e garanzia dei diritti 3,380 3,617 -0,238 3,379 1,018
infrastrutture pubbliche e logistica 3,611 3,935 -0,183 3,751 10,981
istruzione scolastica 48,376 49,787 -0,431 49,356 2,840
istruzione universitaria e formazione post-universitaria 8,369 8,446 -0,031 8,415 0,535
l'italia in europa e nel mondo 25,287 24,269 -0,674 23,595 0,126
ordine pubblico e sicurezza 11,223 11,941 -0,434 11,507 1,177
organi costituzionali, a rilevanza costituzionale e presidenza del consiglio dei ministri 2,286 2,363 0,000 2,363 0,001
politiche economico-finanziarie e di bilancio e tutela della finanza pubblica 90,414 92,358 -5,290 87,068 8,546
politiche per il lavoro 10,493 11,448 -3,453 7,996 8,382
politiche previdenziali 96,402 96,383 -11,787 84,596 4,297
regolazione dei mercati 0,045 0,050 -0,025 0,026 0,035
relazioni finanziarie con le autonomie territoriali 119,993 123,141 -0,325 122,815 20,272
ricerca e innovazione 3,316 3,676 -0,028 3,648 1,063
servizi istituzionali e generali delle amministrazioni pubbliche 3,234 3,503 -0,454 3,049 0,603
soccorso civile 7,620 8,629 -0,113 8,517 5,262
sviluppo e riequilibrio territoriale 6,375 7,010 0,000 7,010 25,272
sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell'ambiente 1,191 1,511 -0,066 1,445 1,296
turismo 0,044 0,052 -0,009 0,043 0,013
tutela della salute 1,290 1,583 -0,191 1,393 0,854
tutela e valorizzazione dei beni e attività culturali e paesaggistici 2,646 2,753 -0,134 2,619 1,280
totsle missioni  869,499 871,112 -47,934 823,178 114,014

[1] 27 novembre 2012 - Il disegno di legge è presentato alla Camera dall'on. Giancarlo Giorgetti - 12 dicembre 2012 - La Camera approva il disegno di legge con 442 sì, 3 no e 6 astenuti - 20 dicembre 2012 - Il Senato approva il disegno di legge con 222 sì e 4 no.

[2] Il Patto di bilancio europeo, formalmente Trattato sulla stabilità, coordinamento e governance nell'unione economica e monetaria (conosciuto anche con l'anglicismo fiscal compact, letteralmente "patto di bilancio"), è un accordo approvato con un trattato internazionale il 2 marzo 2012 da 25 dei 28 stati membri dell'Unione europea; non è stato sottoscritto da Regno Unito, Croazia e Repubblica Ceca.

[3] Gli elevati tassi di interesse sul debito, e molteplici declassamenti da parte delle agenzie di rating, portarono il Governo Berlusconi IV, nel tentativo di risanare i conti pubblici e rassicurare gli investitori internazionali, nonché per rispettare i vincoli di bilancio derivanti dal Trattato di Maastricht, ad inserire nella manovra finanziaria di luglio 2011 la cosiddetta clausola di salvaguardia. Essa prevedeva un aumento automatico delle aliquote IVA e delle accise qualora il governo non fosse stato in grado di reperire le risorse necessarie a finanziare la manovra stessa Da allora, le successive manovre di bilancio devono indicare come intendono soddisfare i vincoli di bilancio (e.g., contraendo la spesa pubblica o aumentando le tasse). Qualora i vincoli di bilancio venissero sforati, la clausola di salvaguardia scatterebbe automaticamente, aumentando aliquote IVA e accise.

Please publish modules in offcanvas position.